Viale Alcide De Gasperi 34, 67100 L'Aquila - tel 0862 204386 fax 0862 1960107 - uglaq@inwind.it

giovedì 2 aprile 2015

Stato di agitazione per gli addetti alle pulizie dell'università dell'Aquila


A seguito delle assemblee svolte con gli iscritti e constatata l’assenza di risposte concrete da parte della CSG, l’UGL-Igiene Ambientale ha dichiarato lo stato di agitazione del personale addetto nell’appalto di pulizie e portierato presso l’università dell’Aquila.
Molte le criticità soprattutto nel settore delle pulizie dove, a fronte di una riduzione oraria consistente, i lavoratori debbono svolgere prestazioni che prima venivano effettuate con più personale. Tale insostenibile circostanza ha portato oltre al danno anche la beffa in quanto sono state recapitate decine di lettere di contestazione su segnalazione dell’ente appaltante ossia l’università dell’Aquila che, evidentemente, è insoddisfatta dell’operato.
Anche il servizio di portierato registra una disparità di trattamento tra i portieri adibiti nei vari plessi con condizioni estremamente penalizzanti in alcune sedi, come la facoltà d’ingegneria a Roio, dove i portieri sono stati assunti con un numero di ore inferiore rispetto ai colleghi di altre sedi ma devono ugualmente garantire prestazioni ottimali.
L’UGL, tra l’altro, ha presentato all’azienda una piattaforma sul premio di produzione  ma a tutt’oggi la CSG ancora non fornisce alcuna risposta.
Alla luce di quanto sopra, chiediamo un incontro immediato col la CSG al fine di sanare le anomalie in questione. In assenza di risposte ci vedremo costretti ad indire le prime azioni di sciopero.
L’Aquila 02 Aprile 2015     

 

                                                                  UGL-Igiene Ambientale

venerdì 21 novembre 2014

Francesco Paolo Capone rieletto Segretario Generale della UGL


Appoggiato dal 76% degli iscritti !!!

Il Consiglio Nazionale della Ugl, riunitosi il 20 Febbraio a Roma presso la sede confederale di via delle Botteghe Oscure, ha rieletto all’unanimità Francesco Paolo Capone alla carica di Segretario Generale. La candidatura di Capone era sostenuta da diciotto Federazioni di categoria, rappresentative del 76% degli iscritti al sindacato.
“Vorrei ringraziare tutti coloro che hanno confermato la loro fiducia nei miei confronti – ha dichiarato il neo eletto Segretario Generale Paolo Capone -. Il sindacato è oggi chiamato ad affrontare sfide complesse, dall’attacco ai diritti alla disoccupazione, dalle pensioni da fame al lavoro che manca, passando per il Mezzogiorno e le tante fabbriche che chiudono. L’Ugl non arretra di un passo. Continueremo a fare quello che abbiamo sempre fatto nella nostra storia lunga 65 anni: difendere i lavoratori, i disoccupati e i pensionati”.

 

venerdì 20 giugno 2014

Sciopero a TVUNO


Il corpo tecnico e giornalistico dell’emittente televisiva TVUNO srl è in sciopero da oggi e sino al 24 Giugno perché i dipendenti non percepiscono lo stipendio da oltre diciotto mesi. Questo è l’ennesimo esempio della precarizzazione che affligge un settore strategico come quello dell’informazione.

Dopo diverse rassicurazioni ed una serie di promesse non mantenute il personale dipendente della storica televisione aquilana, assistito dalla UGL, si trova costretto ad interrompere la programmazione ordinaria dell’informazione. L’intento è quello di sollecitare la proprietà a dare risposte immediate e concrete ad una situazione non più sostenibile.

In assenza di riscontro lo sciopero continuerà ad oltranza e non si esclude l’adozione di clamorose azione di protesta.

 

giovedì 15 maggio 2014

Transcom, proviamo solo disprezzo!



A distanza di cinque anni Transcom torna a parlare pubblicamente. L’ultima volta lo fece, nel 2009  a pochi mesi dal terremoto, il general manager Boggio che cercò di spiegare perché l’azienda, dopo aver licenziato 270 terremotati, era costretta a lasciare L’Aquila. In realtà la Transcom non ha mai lasciato L’Aquila e dopo aver licenziato ha continuato la sua attività dando in subappalto al Consorzio Lavorabile la commessa del numero verde Inps ed Inail.  Il solo leggere la parola Transcom, da aquilani, ci riporta inesorabilmente ai momenti più bui e tristi dell’immediato post-terremoto. Fu l’unica multinazionale a licenziare 270 persone arrecando umiliazione a centinaia di famiglie già duramente provate. Mai una parola fu spesa da questi signori per ricordare la cara Simona D’Ercole, giovanissima dipendente morta sotto le macerie.
Ora, a distanza di cinque anni,  Roberto Boggio rispunta per comunicare l’avvio di un progetto che darà lavoro a 40 persone per i prossimi tre anni. Ben vengano i posti di lavoro, ci mancherebbe, ma ci saremmo aspettati da questo signore preliminarmente  le scuse pubbliche per il comportamento tenuto dalla sua azienda nel 2009.
L’Aquila non dimentica, noi non dimentichiamo e non basta la presentazione di un progetto per  rifarsi una verginità. Per la Transcom proveremo, sempre ed unicamente, disprezzo.  
L’Aquila 15 Maggio 2014 

                                                                  UGL – Telecomunicazioni L’Aquila
                                                                  Il Segretario Provinciale
                                                                 Simona Fioretti


venerdì 4 aprile 2014


venerdì 14 febbraio 2014

Servizio Cup, verso lo sciopero!



La situazione del Cup telefonico e ticket del S.Salvatore è insostenibile sia per l’utenza umiliata e sottoposta ad estenuanti attese (a volte vane) e sia per i dipendenti costretti a lavorare in condizioni difficilissime. Il manager Silveri, nonostante le nostre innumerevoli richieste d’incontro per chiedere un potenziamento del servizio da sempre promesso ed ancora non concretizzato, non si è degnato neanche di dare un cenno di risposta.  La cooperativa Capodarco, che da anni gestisce il servizio in affido diretto e senza mai aver vinto alcuna gara, con l’avallo di un solo sindacato minoritario continua a prorogare mesi di cassa integrazione per L’Aquila mentre, tramite una società dello stesso gruppo   denominata “Darco Servizi”, vengono assunte nuove persone da utilizzare nel servizio Segreteria Cup dell’ospedale di Avezzano.
Gravissimo quanto accaduto ieri dove, alla presenza del responsabile delle relazioni sindacali del gruppo Darco Tiziano Bifarini, nella sede della Cgil è stata sottoscritta l’ennesima proroga per una cassa integrazione a nostro avviso immotivata. Ancor più grave l’atteggiamento della società che, non tenendo conto del sindacato di maggioranza relativa ( UGL ha 24 iscritti su 30 dipendenti!), ha fatto in modo di evitare il confronto con noi sapendo che era l’unica soluzione per ottenere la proroga della cassa integrazione.
Alla luce di quanto sopra, i lavoratori del Cup del S.Salvatore  riuniti in assemblea hanno dato mandato pieno alla UGL di indire le prime azioni di sciopero ai sensi e per gli effetti della Legge 146 del 1990. Abbiamo provveduto, quindi, a formalizzare la richiesta di incontro con il Prefetto chiedendo la convocazione sia dei vertici della ASL che di quelli del gruppo Darco.
Alla ASL chiederemo il potenziamento immediato del servizio Cup presso il S.Salvatore ed al gruppo Darco chiederemo di togliere immediatamente ogni forma di ammortizzatore sociale al fine d’incrementare la forza lavoro in modo da ridare la giusta dignità sia ai dipendenti che all’utenza continuamente bistrattata da un disservizio inaccettabile.

In caso di mancato riscontro alle nostre istanze, chiederemo all’intera cittadinanza di manifestare insieme ai lavoratori nelle giornate di sciopero.

L’Aquila 14 Febbraio 2014

 

                                                                           UGL Sanità L’Aquila

                                                                           Il Segretario Provinciale

                                                                           Giuliana Vespa